Luigi Costacurta

Luigi Costacurta 2                                                 

Luigi Costacurta è nato a Vittorio Veneto (TV) il 21 gennaio 1927. Gli avvenimenti dell’ultima guerra mondiale segnarono profondamente Costacurta, mettendo a dura prova le sue contrastanti qualità. Fu deportato in Polonia, in un campo di concentramento, dopo circa un mese di viaggio disumano in un carro bestiame il suo organismo già cagionevole di salute si ammalò gravemente. Oltre ai problemi polmonari, lo colpì una polinevrite diffusa. Alla fine della guerra si ritrovò con una atrofia del nervo ottico dell’occhio sinistro che lo portarono alla cecità.

Nel 1951 si recò per lavoro in Cile dove conobbe Manuel Lezaeta Acharan che gli insegnò le Pratiche Naturali che gli permisero di recuperare la vista e riuscì ad ottenere, a quasi 60 anni, il rinnovo della patente. Per tutta la sua vita, comunque dovette combattere con questo timore di diventare cieco. In Cile M. Lezaeta A., ormai vecchio ed un po’ in declino, gli insegnò tutti i metodi naturali. Lui e la moglie rimasero a Santiago e, dopo la morte di Lezaeta avvenuto dopo poco tempo, continuarono con il figlio di Lezaeta, Rafael, che gli propose di tornare in Italia e tradurre il libro del padre “La medicina naturale alla portata di tutti”.

Infatti ritornarono in Italia nel 1961 consapevoli della responsabilità di divulgare quella semplice e rivoluzionaria Medicina. La mole di lavoro necessaria alla divulgazione fu enorme e trovarono le prime difficoltà perché venivano messi al bando. Ci vollero oltre 10 anni per la traduzione del libro. Nel 77 pubblicò il suo primo libro “L’Iridologia” frutto dei suoi studi e ricerche, un vero trattato di indagine iridologica chiaro ed esauriente. I suoi casi di guarigione aumentavano a dismisura, tanto da scatenare gelosie e invidie, fino a sfociare nell’arresto per abuso d’Arte Medica. Il processo, svolto per direttissima, lo scagionò completamente, tanto che il Giudice si congratulò con lui per la battaglia che stava portando avanti nel campo della Medicina Naturale e gli richiese anche i testi per poter studiare l’argomento.
Nel 1982 scrisse “La Nuova Dietetica“, trattato di trofologia, prandiologia, combinazioni alimentari e casistica,  frutto della sua tenace ricerca ed osservazione sui reali casi di malattia.

A 61 anni si sentiva un ragazzo e determinato a continuare con entusiasmo.
Nel 1984 fondò l’Associazione Culturale Nazionale Igienistiche Naturali e questo significò per Costacurta l’inizio di una fase di responsabilità umane e morali e di grande coinvolgimento mentale ed emotivo. L’associazione è attiva ancora oggi.
Fondò anche una Scuola di Naturopatia che ancora oggi conserva il suo nome.

Sempre nel 1984 pubblica il suo terzo libro “Vivi con gli Agenti Naturali”.
Grazie alla Medicina Naturale aveva vissuto e lavorato molto di più di quello che le sue condizioni potenziali, gli avrebbero consentito. Spesso ai suoi allievi diceva “ … a quest’ora sarei dovuto morire” Il suo fisico l’aveva tenuto saldo ed efficiente con l’aiuto delle pratiche igienistiche, ma ancor di più con una forza di volontà immensa. Continuava a praticare il bagno di vapore, e così tirava avanti.
Pubblicò poi “Il Nostro Bagno di Vapore”, trattato sulla salutare sauna da fare in casa.
Il 5 febbraio del 1991, assistito amorevolmente dalla moglie nella loro casa a Conegliano, completò serenamente il suo arco vitale terreno.

Questa pagina è stata cancellata da Wikipedia, per mano dei gestori, nel 2007.


Licenza Creative Commons Medicina Naturale di Lezaeta e Costacurta di Claudio Karuno Basso è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia.

 

Un pensiero su “Luigi Costacurta

I commenti sono chiusi.